Recensione di Cosmos Network: ATOM e Internet of Blockchain

Uno dei progetti e delle monete più interessanti all’inizio del 2019 è stato Cosmos e il suo token ATOM. L’impennata iniziale è iniziata nel 2019, quando la mainnet che era stata più di 3 anni nella pianificazione è stata attivata.

Cosmos è un progetto eccezionalmente ambizioso in un regno di progetti ambiziosi. Sta cercando di diventare la blockchain che riunisce tutte le altre blockchain nella sua piattaforma di interoperabilità blockchain. E a partire da febbraio 2020 sembra che potrebbe avere successo.

Tuttavia, possono davvero eseguire su tali grandi ambizioni?

In questa recensione di Cosmos darò uno sguardo approfondito al progetto, alla sua tecnologia e alla roadmap di sviluppo. Analizzerò anche i casi d’uso e il potenziale di adozione della moneta ATOM.

Nozioni di base su Cosmos

Cosmo si definisce l’ecosistema più personalizzabile, scalabile, potente e interoperabile di blockchain connesse. È una rete decentralizzata di blockchain indipendenti alimentata da Tendermint e altri algoritmi Byzantine Fault Tolerant. È Byzantine Fault Tolerance che consente a una blockchain di raggiungere il consenso anche in un ambiente che potenzialmente contiene nodi dannosi.

La rete Cosmos ha il potenziale per diventare “Internet of Blockchain” ed è anche chiamata Cosmos Hub. Cosmos è la prima blockchain ad essere lanciata sulla rete Cosmos e il suo compito è collegare altre blockchain (chiamate zone nella rete). Una volta completati questi collegamenti, i token possono essere trasferiti in modo rapido e sicuro da una zona all’altra senza problemi.

Problemi con la blockchain di Cosmos

Come Cosmos risolve i problemi della blockchain

Ci sono tre parti principali della rete Cosmos:

  1. The Tendermint Core – Il Tendermint Core è un’implementazione software contenente l’algoritmo Tendermint BFT per il consenso e il protocollo di comunicazione interblockchain (IBC) che collega i livelli di consenso e di rete per facilitare la comunicazione tra l’hub e tutte le zone.
  2. Interfaccia Blockchain dell’applicazione (ABCI) – Ciò consente la replica di dApp in una varietà di linguaggi di programmazione. Poiché ABCI non è vincolato a nessun singolo linguaggio di programmazione, gli sviluppatori sono in grado di creare la parte dell’applicazione della loro blockchain in qualsiasi linguaggio. L’ABCI funge da collegamento tra Tendermint Core e Cosmos SDK.
  3. Cosmos SDK – Questo è il livello applicativo della rete Cosmos e fornisce agli sviluppatori un framework blockchain di base. Riduce la complessità fornendo le funzionalità blockchain più comuni come governance, token e staking. Gli sviluppatori aggiungono quindi ulteriori funzionalità desiderate creando plug-in.

Presi tutti insieme, Tendermint Core fornisce consenso sul Cosmos Hub, mentre le blockchain di zona mantengono il proprio consenso senza la necessità di utilizzare Tendermint.

Cosmos SDK fornisce agli sviluppatori i mezzi per creare una blockchain e dApp preoccupandosi solo del livello dell’applicazione. Con l’aggiunta dell’ABCI lo stato dell’applicazione viene gestito in un processo di consenso separato, consentendo a Cosmos di supportare un’ampia varietà di linguaggi di scripting e criptovalute.

Le blockchain collegate al Cosmos Hub potranno comunicare tra loro utilizzando il protocollo IBC, indipendentemente da quale algoritmo di consenso viene utilizzato. Ciò consentirà il trasferimento di risorse tra blockchain preservando le caratteristiche contrattuali che potrebbero avere.

Cosmos Hub e zone


Zone e hub del cosmo. Immagine via Blog ufficiale

IBC funzionerà meglio con blockchain che hanno una finalità elevata come le blockchain Proof-of-Stake, ma può anche essere fatto funzionare con blockchain Proof-of-Work attraverso l’uso di zone di peg. Un esempio di questo è Ethermint, che è fondamentalmente un Ethereum basato su Tendermint con le sue funzionalità PoW spogliate e che lavorano in cima al consenso PoS.

Spiegazione dell’algoritmo di Tendermint

Tendermint è il primo algoritmo di consenso Proof-of-Stake creato utilizzando l’algoritmo Practical Byzantine Fault Tolerant (PBFT) prima proposta nel 1999 da Castro e Liskov dopo 30 anni di ricerca. Questo protocollo PoS basato su BFT assegna il diritto di proporre nuovi blocchi in modo pseudo-casuale ai validatori in un processo di votazione multi-round.

Tuttavia, la finalizzazione e il commit di questi blocchi richiede una maggioranza assoluta di validatori che si disconnettono dal blocco proposto. Nel caso di Cosmos, questo è i due terzi del quorum. Raggiungere il consenso in questo modo potrebbe richiedere diversi round per finalizzare i blocchi. Un sistema BFT può tollerare solo fino a un terzo di errori, con errori che includono comportamenti dannosi e arbitrari.

Vantaggi di Tendermint

Vantaggi di Tendermint. Immagine via Sito Web di Tendermint

L’algoritmo di Tendermint ha le seguenti caratteristiche:

  • Una soglia di sicurezza di 1/3 dei validatori
  • Compatibile con catene pubbliche o private
  • Sicurezza del consenso
  • Priorità alla coerenza
  • Finalità istantanea in meno di 3 secondi

Cosmos utilizza un consenso Proof of Stake noto come PoS delegato. Questo organizza gli stakers in gruppi di validatori e gruppi di delegatori. I delegatori decidono quali validatori parteciperanno al consenso e i validatori lavorano per convalidare le transazioni e aggiungere nuovi blocchi alla blockchain.

I premi vengono dati a validatori e delegatori sotto forma di token ATOM, ma la rete Cosmos è progettata in modo tale che una forma incartata di qualsiasi criptovaluta potrebbe teoricamente essere utilizzata come token di ricompensa. In questo sistema, qualsiasi cenno trovato per funzionare in modo dannoso viene rimosso dalla rete e i suoi token vengono portati via.

Cosa rende Cosmos Superior?

Cosmos sta lavorando per risolvere i limiti di scalabilità e usabilità nella tecnologia blockchain. La scalabilità è stata il problema più grande tra le più grandi blockchain del mondo negli ultimi anni e nessuno è stato ancora in grado di implementare una soluzione che permetta loro di avvicinarsi alla scala di cui avranno bisogno per soddisfare i tassi di adozione tradizionali.

Quando si considera l’usabilità, sia gli sviluppatori che gli utenti sono limitati. Gli sviluppatori non hanno flessibilità durante la creazione di applicazioni blockchain e gli utenti sono stati limitati dalla mancanza di applicazioni facilmente accessibili. Cosmos crede di poter risolvere questo problema attraverso l’uso del linguaggio di programmazione Go e una struttura multistrato.

Cosmos Team

C’è un’enorme spinta dietro al progetto Cosmos, che include una serie di aziende, team e fondazioni. L’idea per Cosmos è venuta da Jae Kwon e Ethen Buchman, ma il supporto principale per Cosmos viene dalla fondazione svizzera senza scopo di lucro La Fondazione Interchain (ICF).

ICF ha stipulato un contratto con All in Bits Inc. (dba Tendermint Inc.) per sviluppare il Cosmos Network e l’ecosistema che lo circonda. Quell’ecosistema è estremamente ampio, come vedrai più avanti. La connessione è resa leggermente più chiara dato che Jae ed Ethen sono i fondatori di Tendermint. Il più ampio team di Tendermint è infatti piuttosto numeroso con oltre 30 membri.

Fondatori di Tendermint

Fondatori di Tendermint che sviluppano la rete Cosmos

Infine, c’è la Fondazione IRIS, che ha trovato il supporto di ICF per creare il Cosmos Hub IRISnet, che ha lo scopo di facilitare la costruzione di applicazioni aziendali distribuite. Tutte queste entità lavorano insieme a stretto contatto e può essere difficile distinguere tra le diverse organizzazioni e il modo in cui contribuiscono allo sviluppo di Cosmos.

Il team è anche molto attivo quando si tratta di coinvolgimento della comunità. Corrono un attivo blog ufficiale dove descrivono in dettaglio tutti gli importanti aggiornamenti di sviluppo. Hanno anche un file Account Twitter e Canale Telegram. Mi sono tuffato nel loro canale Telegram con 10.000 membri, la conversazione è stata piuttosto incoraggiante con partecipanti più focalizzati sulla tecnologia.

L’ecosistema del cosmo

Cosmos non ha avuto problemi ad attrarre partner nel suo ecosistema. Esiste un numero enorme di progetti già in via di sviluppo sulla tecnologia Cosmos e su parte del suo ecosistema. Eccone solo un piccolo gruppo:

  • La Binance Chain, che è la piattaforma di emissione di token del progetto decentralizzato Binance Launchpad, è costruita sull’ecosistema Cosmos. Utilizzano una versione biforcuta di Tendermint e Cosmos SDK, oltre a funzionalità di Cosmos SDK come “banca” che viene utilizzata per le transazioni di token di base.
  • Akash sta lavorando per portare l’elaborazione serverless in Cosmos, funzionando come un supercloud peer-to-peer per l’elaborazione serverless che fornirà agli sviluppatori un mercato aperto, sicuro e senza autorizzazioni per i cicli di elaborazione inutilizzati. Prevedono di ridurre il costo delle risorse di cloud computing del 90% rispetto a servizi come Microsoft Azure, AWS e Google Cloud.
  • e-Money è un emittente di stablecoin europeo. Le loro stablecoin sono supportate da valuta fiat e sono uniche in quanto portano interessi e sono protette da un fondo di insolvenza.
  • IOV sta creando un protocollo tra blockchain e wallet che consentirà di inviare e ricevere qualsiasi criptovaluta da un unico indirizzo di valore.
  • IRISnet è una blockchain BPoS che è stata costruita utilizzando Cosmos SDK e consentirà l’interoperabilità tra blockchain per fornire una base per la prossima generazione di applicazioni aziendali distribuite. Ha lanciato la sua mainnet a settembre 2019.
  • Kava sta lavorando con la rete Cosmos per fornire portafogli, scambi e blockchain con la liquidità e l’interoperabilità della tecnologia Interledger. Più recentemente hanno lanciato la loro rete principale nel novembre 2019 e il progetto è ora in prima linea nel fiorente ecosistema DeFi.
  • Loom ha iniziato sulla blockchain di Ethereum e in seguito è passato a Cosmos per sfruttare la tecnologia Tendermint nello sviluppo di giochi altamente scalabili e dApp rivolte agli utenti. Più recentemente si è espanso per affrontare la DeFi e l’utilizzo da parte di governi e aziende.

Altri progetti mirano a tokenizzare l’industria musicale (Playlist), creando una rete peer-to-peer veramente decentralizzata (Sentinel Network), creando un’economia dei contenuti autonoma decentralizzata (Lino), costruendo un social network per determinare quando le informazioni sono vere o meno (TruStory) e lancio di una stablecoin pensata per l’adozione di massa (Terra).

Esiste un elenco più completo di quasi 100 progetti che cercano di costruire sulla base della tecnologia Cosmos Network e Tendermint che può essere trovato Qui.

Il token ATOM

Il team di Cosmos ha tenuto un ICO nell’aprile 2017, raccogliendo $ 17,3 milioni in soli 28 minuti vendendo 168 milioni di token a $ 0,098 ciascuno. Il team ha anche trattenuto 50 milioni di token per finanziare partnership strategiche e sviluppo del business.

Il token ATOM era in qualche modo unico, tuttavia, poiché i token effettivi non sono stati rilasciati fino a quando la rete principale è stata attivata. C’erano alcune borse che scambiavano token IOU per ATOM prima del loro rilascio, ma il token effettivo è diventato attivo il 14 marzo 2019.

Due giorni dopo ha raggiunto il massimo storico di $ 8,31, ma è sceso rapidamente da quel livello. È balzato di nuovo a quasi $ 7 il 22 aprile quando gli investitori hanno appreso che il token era stato elencato su Binance Exchange. Il prezzo è sceso di nuovo, ma i volumi degli scambi sono aumentati costantemente e dal 6 maggio 2019 il prezzo è tornato a $ 4,82.

Binance ATOM

Registrati su Binance e acquista token ATOM

Non vi è alcun limite al numero di ATOM che verrà rilasciato poiché il team prevede di aumentare il numero di ATOM ogni anno sulla base di un modello inflazionistico.

Anche se l’ATOM è stato rilasciato solo di recente, ci sono una serie di opzioni di portafoglio tra cui scegliere. La scelta più sicura è utilizzare il portafoglio hardware Ledger. Altrimenti, sono disponibili diversi portafogli mobili come imToken, Cosmostation e WeTez. Ci sono anche i wallet IOV e Lunagram che sono in sviluppo e in arrivo.

Coloro che sono interessati ad acquistare un po ‘di ATOM possono farlo abbastanza facilmente poiché il token è già elencato su dozzine di scambi. I maggiori volumi di trading si possono trovare su Kraken, Binance, Huobi Global, Bibox, Gate.io e OKEx.

Cosmos Hub 3

Dal lancio di marzo 2019 della mainnet per Cosmos, l’unico altro importante aggiornamento del progetto è arrivato a dicembre 2019, quando hanno lanciato Cosmos 3. Questo aggiornamento era principalmente incentrato sul miglioramento del meccanismo di governance di Cosmos.

Una delle modifiche più importanti apportate da Cosmos 3 è che le proposte di governance non sono più solo un meccanismo di segnalazione. Prima di Cosmos 3, tutte le modifiche proposte approvate dalla comunità dovevano essere messe in atto dagli sviluppatori e rilasciate come nuovo software che veniva poi eseguito dai validatori partecipanti. Questo è anche noto come hard fork.

Cosmos Hub 3

Annuncio del lancio di Cosmos Hub 3. Immagine tramite Blog di Cosmos

Con Cosmos Hub 3 i votanti sono ora in grado di cambiare il funzionamento di Cosmos a un livello fondamentale e tali modifiche possono essere implementate senza la necessità di un hard fork. Alcuni dei cambiamenti che possono essere fatti includono l’aumento o la diminuzione del tasso di inflazione, la modifica della soglia minima alla quale lo staking influenza l’inflazione, l’aliquota fiscale comunitaria e molti altri.

L’aggiornamento a Cosmos Hub 3 ha anche reso possibile la proposta di spendere i fondi del pool governativo, che attualmente sono quasi 250.000 ATOM per un valore di oltre $ 1 milione.

Sviluppo & Roadmap

Ovviamente, con la maggior parte di questi progetti blockchain, la prova è nel budino. Per avere un’idea di quanto lavoro è stato fatto, dobbiamo dare un’occhiata ai commit del codice del progetto.

Uno dei modi migliori per avere un’idea di questa attività è attraverso l’attività di commit del progetto sul loro GitHub pubblico. Nel caso di Cosmos, hai un numero di repository GitHub diversi sia dal progetto principale al Repository di Tendermint.

Ho deciso di dare un’occhiata a questi per vedere la quantità di attività presente. Di seguito sono riportati solo alcuni dei repository più attivi nell’ecosistema.

Commit di GitHub di Cosmos Network

Il codice si impegna negli ultimi 12 mesi per repository selezionati

Questo è davvero piuttosto ampio e mostra quanto lavoro sia stato svolto sul protocollo. Dovresti anche tenere a mente che questi sono solo 3 dei primi pronti contro termine. Ci sono oltre 86 repository in totale!

Non ho visto questo livello di sviluppo su molti altri progetti (compresi quelli con ICO più grandi). Ciò dovrebbe rafforzare ulteriormente l’idea che questo sia tutt’altro che un normale progetto ICO e blockchain.

Questa attività di codifica voluminosa e frenetica è molto probabilmente correlata alla loro ambiziosa roadmap. Nell’ultimo anno la squadra ha raggiunto una serie di traguardi importanti quasi fino al punto di partenza.

Ci sono anche alcune proposte di aggiornamento che attendono il progetto. Questi includono il supporto Hub per il protocollo IBC che consentirà ad alcune delle applicazioni SDK di connettersi all’hub. Puoi vedere la roadmap Qui.

Conclusione

Il lancio della rete principale di Cosmos è avvenuto con un’enorme eccitazione nella comunità, come evidenziato dall’impennata del prezzo del token ATOM. L’aggiunta non richiesta del token su Binance e dozzine di altri scambi, e il rapido balzo di ATOM al 15 ° posto nella capitalizzazione di mercato totale supporta la premessa che questo è un progetto serio degno di seguire e investire.

Anche con gli aggiornamenti limitati nel corso dell’anno dal lancio della mainnet, il token ATOM rimane il 21 ° token più grande per capitalizzazione di mercato, evidenziando la fiducia delle comunità nel progetto.

Il passaggio alla rete principale porta Cosmos alla sua prossima fase di sviluppo. Con la rete stabile, la comunità ha già votato per abilitare i trasferimenti ATOM. Successivamente abiliterà IBC e il lancio della rete principale sarà completo.

Ci sono anche piani per rilasciare uno staking wallet ufficiale che consentirà le transazioni sul Cosmos Hub. Una volta rilasciata la prima versione di produzione di Cosmos, completa della prima blockchain di Cosmos Network, il progetto entrerà nella cosiddetta “Era Galattica”.

Una volta raggiunta l’era galattica, il team di sviluppo inizierà a lavorare su uno scambio decentralizzato e sui ponti per Ethereum e Bitcoin.

È chiaro che i team di Tendermint e Cosmos sono estremamente seri riguardo a ciò che stanno facendo. Mentre alcuni chiamerebbero ancora il progetto vaporware per la mancanza delle funzionalità elencate nel white paper, ci sono dozzine di progetti partner che credono nella rete Cosmos e hanno iniziato a usarla.

Se Cosmos riuscirà a diventare l’internet delle blockchain, occuperà una posizione estremamente importante e potente nel futuro dello sviluppo e della tecnologia blockchain.

Finora il progetto sembra rimanere sulla buona strada per fare proprio questo, e se l’entusiasmo della comunità è di qualche misura, questo potrebbe essere un progetto da tenere d’occhio da vicino nei prossimi mesi e anni.

Immagine in primo piano tramite Fotolia

Dichiarazione di non responsabilità: queste sono le opinioni dell’autore e non devono essere considerate un consiglio di investimento. I lettori dovrebbero fare le proprie ricerche.

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me