Impostazione di un nodo IOTA e guadagno MIOTA: guida passo passo

IOTA è un’esclusiva tecnologia di registro distribuito nata nel 2014 da un’iniziativa hardware intesa a supportare il calcolo distribuito generale come base per l’infrastruttura IoT di dispositivi interconnessi.

La fondazione IOTA è dedicata allo sviluppo di standard industriali e protocolli aperti per un’economia da macchina a macchina, garantendo la circolazione in tempo reale di dati convalidati, ben definiti e chiari e la protezione di infrastrutture critiche su scala globale.

L’esecuzione di un nodo IOTA è un modo per entrare nella rete che si chiama “tangle”. Il Tangle è un esempio di criptovaluta basata su DAG (Directed Acyclic Graph). Il nodo può funzionare come bilanciatore del carico per Tangle e aiuta accelerando i tempi di conferma in un dato segmento della rete mentre riceve donazioni distribuite settimanali per farlo.

Nelle sezioni seguenti ci concentreremo su alcuni dei componenti chiave che costituiscono il protocollo IOTA e l’infrastruttura di rete. Forniremo quindi istruzioni su come configurare e utilizzare un nodo, nonché alcune delle applicazioni, casi d’uso e strumenti disponibili.

Quindi, se sei interessato a impostare il proprio nodo completo nel comfort di casa tua, continua a leggere..

Semi, chiavi, indirizzi e transazioni

Un seed IOTA è il punto di partenza per creare un canale di transazioni. Un seme deve essere generato in modo sicuro off-line e conservato in modo sicuro. In un prompt della shell di Linux questo viene fatto con il seguente comando:

cat / dev / urandom | tr -dc A-Z9 | head -c $ {1: -81}

Per utenti Mac:

cat / dev / urandom | LC_ALL = C tr -dc ‘A-Z9’ | piega -w 81 | head -n 1

/ dev / random genera numeri pseudo-casuali raccogliendo il rumore ambientale dalle unità del dispositivo, dai pacchetti di rete, ecc. in un pool di entropia da cui viene generato il seme.

Sebbene siano disponibili strumenti di generazione di semi online, si consiglia vivamente di evitarli. In precedenza c’erano siti Web di phishing mascherati da strumenti che hanno rubato i semi agli utenti.


La stringa di 81 caratteri generata composta da lettere maiuscole A-Z e il numero 9. Tutte le chiavi private e gli insiemi di indirizzi che raggruppano le transazioni derivano dal seme originale in modo simile a un flusso (in qualche modo simile agli mnemonici nei portafogli Ethereum).

Una volta eseguita una transazione di invio da un indirizzo, tale indirizzo non dovrebbe mai essere riutilizzato poiché ogni output rivela parte della chiave privata. Gli output di ricezione possono essere raggruppati in un unico indirizzo, ma una volta che l’indirizzo è stato speso da esso dovrebbe essere svuotato e non dovrebbe essere riutilizzato per l’invio o la ricezione. Il seme non è compromesso se i fondi vengono ricevuti in un indirizzo da speso, ma i fondi lo sono.

Ciò è dovuto allo schema crittografico resistente ai quantum adottato da IOTA. Gli schemi di firma singola (e in particolare le funzioni hash crittografiche una tantum) sono metodi per costruire firme digitali utilizzando funzioni unidirezionali. Simile in linea di principio a pastiglie di una volta e, come suggerisce il nome, funziona utilizzando le coppie di chiavi solo una volta. In sostanza, una volta che i bit sono stati messi in loop, devono essere consumati in seguito.

Questo piccolo inconveniente della fase iniziale e barriera apparentemente tecnica alla partecipazione sarà presto risolto con l’imminente rilascio del Portafoglio Trinity (attualmente in fase di alpha testing). Questo ha lo scopo di fornire un’interfaccia multipiattaforma user-friendly e intuitiva per il Tangle e un modulo per la logica di gestione dei seed e degli indirizzi che offre un’esperienza utente più fluida.

Transazioni, pacchetti e istantanee

Transazione IOTA

Immagine tramite Fotolia

Una transazione sul tangle consiste in una stringa di prova 2673 codificata che decodifica un oggetto contenente gli attributi di indirizzo, firma, valore e tag. Le transazioni sono solitamente raggruppate in array chiamati bundle che racchiudono transazioni di valore contenenti output per ricevere indirizzi e input per spendere. Le transazioni di valore in quanto tali richiedono che gli input siano firmati.

Man mano che il database delle transazioni cresce, vengono eseguite istantanee periodiche che raggruppano i saldi diversi da zero. Questi vengono memorizzati in un unico record e il resto viene eliminato. Gli indirizzi con saldi diversi da zero servono come nuovi indirizzi di genesi in un certo senso, senza alcuna storia precedente allegata.

Attualmente, in modalità operativa coordinata, le istantanee vengono eseguite manualmente dalla fondazione. La fondazione sta costruendo una soluzione in base alla quale il processo sarà automatizzato nel prossimo futuro e permanodes posizionato per conservare l’intera storia del groviglio.

Servizi come thetangle.org e la rete Oyster (che memorizza i dati sul Tangle ricollegandoli ed eseguendo PoW) attualmente può essere considerata come permanente. Qualsiasi dato prezioso può essere conservato sul Tangle accoppiandolo con pochi iota o comunque mettendo un po ‘di valore nel sistema.

In alternativa, possono essere messi in atto anche nodi specializzati che memorizzano solo dati o transazioni contestualmente rilevanti che fluiscono attraverso il loro segmento di vicinato del tangle.

Modalità di consenso coordinato e transazioni milestone

Il Coordinatore (o Coo in breve) sono nodi IOTA sparsi in tutto il mondo e gestiti dalla fondazione IOTA. Hanno lo scopo di emettere transazioni a valore zero (chiamate milestone) che assicurano che le transazioni in entrata che fanno riferimento a quelle milestone siano conformi alle regole del protocollo.

Questo stabilirà la direzione per la crescita del groviglio coordinando i passaggi. I nodi partecipanti da parte loro verificano anche che il Coo non stia infrangendo le regole del consenso creando iota dal nulla o approvando le doppie spese.

Lo scopo è una protezione temporanea per la rete nelle sue fasi iniziali per evitare attacchi su larga scala. Quando il volume di attività organica sul tangle raggiunge una soglia sufficiente per essere autosufficiente, il Coordinatore verrà spento. Il groviglio passerà quindi a garantire il consenso tramite Catena Monte Carlo Markov passeggiate casuali.

Impostazione di un nodo di base (implementazione di riferimento IOTA)

Per impostare un nodo è necessaria una configurazione ottimale. Di seguito sono riportati alcuni dei minimi hardware / software consigliati:

  • Da 8 a 12 GB di RAM
  • 25 GB di spazio di archiviazione
  • CPU dual core
  • Connettività 24 ore su 24, 7 giorni su 7
  • È preferibile Ubuntu (16 o 17) o CentOS

Un VPS (Virtual Private Server) in esecuzione in un data center è una soluzione comune e conveniente e ci sono una serie di provider di hosting VPS da utilizzare.

Dopo aver ottenuto l’accesso al server (indirizzo IP e password utente), accedi in remoto tramite riga di comando (o PuTTY in Windows):

$ ssh [email protected]

Inserisci la password e se l’utente non è “root” (i server Contabo sono per impostazione predefinita root) assicurati di disporre dei privilegi “sudoer” ed esegui “sudo su” per accedere come root. Dopodiché, esegui semplicemente:

$ bash <(curl -s https://raw.githubusercontent.com/nuriel77/iri-playbook/master/fullnode_install.sh)

Questo recupera uno script di distribuzione che rileverà automaticamente i parametri di sistema, scaricherà i pacchetti software necessari e le loro dipendenze. Assicurarsi, durante l’installazione, di abilitare i moduli Nelson e Field – oltre al protocollo principale. Questo adempirà a diverse responsabilità importanti per costruire una rete sana.

Abilita Nelson

Al termine dell’installazione, ti verranno presentati gli URL in cui il peer manager e il file Grafna dashboard (monitoraggio utilizzo I / O della CPU) si trovano. Il peer manager è tipicamente IP su HTTP sulla porta 8811 e l’interfaccia Grafna sulla porta 555 e / dashboard / db / iota? Refresh = 30s&orgId = 1 (nome utente predefinito “iotapm” e password forniti durante l’installazione)

Questi forniscono l’accesso dell’interfaccia remota alle statistiche del nodo e alle metriche di integrità senza la necessità di accedere direttamente al server remoto tramite ssh.

Grafna

Schermata di accesso GrafnaStatistiche di monitoraggio Grafna

Monitoraggio Grafna nel browserGrafna Price Data

Grafna Price Data

Successivamente, nella console ssh in esecuzione sul VPS remoto, esegui quanto segue per accedere all’interfaccia di configurazione della GUI del tuo nodo:

$ iric

Implementazione di riferimento IOTA

Gestione configurazione implementazione riferimento IOTA

Dopo aver scaricato il database completamente sincronizzato (“Get Fully Synced DB”), si passa ad abilitare Nelson.

Nelson Auto-Discovery Peer Manager

L’IRI di base è solitamente legato a una rete sovrapposta strutturata di vicini nel groviglio. Questo viene fatto tramite un wrapper JavaScript chiamato “Nelson”. Nelson funge da gatekeeper e supervisore di rete responsabile della scoperta dei peer, della negoziazione delle connessioni, del bilanciamento del carico del traffico e della protezione dai malintenzionati.

Ogni nodo Nelson mantiene un elenco di colleghi fidati e ha una “personalità” che cambia in intervalli di tempo sul groviglio chiamati “epoche”. Questi durano dai cinque ai dieci minuti. Ciò significa che i contatti in entrata potrebbero non essere accettati immediatamente a seconda di una serie di parametri e fattori. Man mano che vengono guadagnati più contatti, la fiducia si accumula, il cui peso è una metrica fondamentale nel modo in cui opera il Tangle.

Bolero è un’implementazione multipiattaforma simile che è più facile per gli utenti Windows e genera l’intera impostazione del nodo con un solo clic. Questo è stato recentemente integrato (ma non del tutto) con Nelson e Campo.

Dopo aver abilitato Nelson, procederemo con l’attivazione di Field.

Campo CarrIOTA

CarrIOTA è un pubblico bilanciatore del carico per ottimizzare le prestazioni del nodo e l’utilizzo delle risorse a vantaggio dell’intera rete. Fornisce protezione dagli attacchi DDoS e un livello di protezione rafforzata per le applicazioni critiche. Inoltre, calcola statistiche e fornisce metriche sulla salute per un IRI e i suoi vicini che servono come dati preziosi per l’ulteriore creazione di applicazioni e l’integrazione di varie istanze.

CarrIOTA Field funge anche da incentivo che accelera notevolmente le transazioni al suo interno, stabilizza il groviglio nel suo insieme. Distribuisce anche donazioni settimanali di token IOTA tra i partecipanti che fanno Proof-of-Work (il semplice Hashcash tipo PoW, non il tipo di minatore Bitcoin).

Abilitando Field dalla GUI di configurazione è necessario inserire un identificativo univoco (qualsiasi stringa) e un indirizzo per ricevere le donazioni distribuite settimanalmente. L’output di un seme generato come spiegato sopra dovrebbe avere la seguente forma:

QAZEEELQCKLVOORDUBXTCLNDBQYMYHLTCADJSUVXBAYWHZXBHACHUBQWQONZHGUJOKWSOXKGEOIPSSUML

Il seme viene inserito nel file portafoglio dopodiché un indirizzo di ricezione generato viene copiato e incollato nel campo dell’indirizzo nella GUI di configurazione.

Client Wallet IOTA

Il portafoglio IOTA attualmente utilizzato

Infine, dobbiamo abilitare Proof-of-Work per Field per passare i lavori attachToTangle al nodo completo IRI, quindi andiamo su “Configura file” e inseriamo “Campo”.

File di configurazione per Tangle

Configurazione della configurazione

La riga “pow” deve essere modificata da “false” a “true”, Ctrl + O per salvare e Ctrl + X per uscire. Questo può essere fatto anche dalla riga di comando con:

campo –pow –address IOTA_ADDRESS

Adesso andiamo a http://field.carriota.com/ e usa la nostra stringa identificativa fornita per verificare se il nodo è presente sul tangle in Field. In alternativa, può essere cercato nel file di testo in chiaro all’indirizzo http://field.carriota.com/api/v1/graph.

Se le porte corrette non sono state abilitate durante l’installazione, aprire le seguenti porte nel router NAT:

  • UDP: a 14600 (molti vicini vogliono usare solo UDP come pacchetto di rete veloce e leggero)
  • UDP: a 15600
  • TCP: a 16600
  • TCP: al 21310 (per CarrIOTA Field)

I fondi delle donazioni vengono distribuiti agli indirizzi di donazione forniti dei nodi partecipanti in un intervallo di 48 ore dopo la fine della stagione. Un totale di oltre 3,4 miliardi di iota sono stati pagati all’inizio di marzo, come rivelato nel tweet sottostante da un ricercatore IOTA.

Forse ancora più importante per l’adozione, il numero di nodi partecipanti è quadruplicato da allora.

Risorse e informazioni aggiuntive

Le transazioni in sospeso possono essere ricollegate manualmente tramite uno script python eseguito dalla riga di comando del nodo dopo aver recuperato le librerie python ufficiali IOTA dopo l’installazione.

apt-get install python-pip -y && pip install – aggiorna pip && pip installa pyota

Dopodiché, è sufficiente eseguire “ricollega” dalla riga di comando.

$ ricollega

Un certo numero di strumenti di base basati sul Web (come vari convertitori da binario a ternario, statistiche di campo correnti, dimensione del database, ecc.) Sono accessibili all’indirizzo Strumenti di groviglio e una piccola raccolta di tutorial può essere trovata Qui.

Linkpool di ChainLink ha anche rilasciato un file Adattatore IOTA per i nodi Oracle ChainLink di recente e altri servizi Oracle come l’oracolo di geolocalizzazione XYO sembrano avere l’integrazione IOTA come priorità nella loro agenda della roadmap.

Altri progetti basati su IOTA in fase di sviluppo includono l’apprendimento automatico come servizio, uno IOTA casello stradale, vari “aggrovigliati” applicazioni di chat e tanti altri.

Per stare al passo con aggiornamenti e annunci e partecipare a discussioni, o semplicemente per cercare di comprendere meglio le dinamiche del groviglio e porre domande, IOTA Discord ufficiale ospita una comunità ampia e attiva di persone che lavorano allo sviluppo di applicazioni e alla costruzione collaborativa di progetti su IOTA. Un forum della comunità ufficiale è stato anche lanciato di recente.

Quanto riesci a tirar su?

Sebbene eseguire un nodo IOTA possa essere un esercizio interessante a vantaggio dell’ecosistema più ampio, sei senza dubbio interessato ai rendimenti che puoi guadagnare. Dopotutto, devi sostenere i costi di gestione del VPS e remunerare il tuo tempo per mantenerlo.

Ciò dipenderà da una serie di fattori. Questi includono la domanda sulla rete, la concorrenza, la configurazione del server e, naturalmente, il prezzo di MIOTA.

Tuttavia, ai livelli attuali ci si potrebbe aspettare di guadagnare tra i 12-15 MIOTA al mese per l’esecuzione del nodo. Se dovessi scegliere la configurazione più semplice su un VPS, le tariffe mensili sono di circa $ 8. Ciò significa che, ai prezzi correnti, guadagni almeno $ 8.

Supponendo che tutto rimanga uguale, significa che guadagni circa il 100% sul tuo investimento al mese. Certo, potresti sempre mantenere il MIOTA che hai come profitto. Se sei positivo a lungo termine sull’ecosistema IOTA, questo senza dubbio ti servirà bene …

Immagine in primo piano tramite Fotolia

Mike Owergreen Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
Like this post? Please share to your friends:
Adblock
detector
map